Menu Chiudi

IMPRESE ESECUTRICI

logo-palazzo-reale_grande

rilievi

15/09/2020

Sono stati eseguiti i rilievi di tutte le aree di intervento.

Sono stati realizzati i rilievi degli androni est ed ovest della Reggia che si affacciano su Piazza Carlo di Borbone, delle facciate e delle coperture oggetto di intervento.
I rilievi sono eseguiti dalla società Tecno in S.p.A., inscritta come operatore SAPR certificato ENAC al n° 22850; le riprese sono eseguite da personale munito di attestato di pilota APR VL/Mc CRO.
Le attività svolte constano in: rilievo topografico e GPS finalizzato alla georeferenziazione dei rilievi e degli interventi; rilievo laser scanner 3d; rilievo fotogrammetrico e termografico.
Il rilievo geometrico è stato effettuato mediante l’utilizzo di scanner laser tridimensionale. I Laser Scanner 3D adottati utilizzano un’avanzata tecnologia, conosciuta come “misura di fase”, atta a misurare distanze dalla stazione di presa alle superfici colpite dal raggio laser. In questo frangente, data la tipologia del rilievo ed il sito di indagine, ci si è avvalsi del laser scanner “CAM2 Laser Scanner Focus S70” che consente acquisizioni su 360° e l’attribuzione al modello numerico dell’informazione del colore in RGB acquisita con camera digitale. Durante la fase di rilievo in situ, le singole scansioni si vincoleranno a specifici target dedicati, installati nell’intorno delle strutture e successivamente georeferiti mediante i rilievi topografici e satellitari precedentemente indicati.
Il rilievo fotogrammetrico è stato eseguito combinando i dati laser scanner con la fotogrammetria da APR (drone), per ottenere così ortofoto metriche di altissima precisione e dettaglio. Le missioni di volo saranno utili, inoltre, ad eseguire video-ispezioni grazie alle quali sarà possibile analizzare i punti critici del manufatto agendo in totale sicurezza.
L’indagine termografica si è svolta mediante l'utilizzo di una telecamera ad infrarossi (termocamera FLIR), al fine di visualizzare e misurare l'energia termica emessa da un oggetto, e potrà evidenziare eventuali criticità non visibili ad occhio nudo come presenza di vuoti corticali, distacchi, ammaloramenti, infiltrazioni, etc.
Tutto il materiale prodotto andrà a confluire nella piattaforma GIS già in possesso della Reggia di Caserta.